fbpx

.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l’esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Info Aggiuntive

Accetto

In Giappone come portavoce dell’artigianato fiorentino d’eccellenza. Sapaf Atelier 1954 a Gifu con la delegazione della Città di Firenze

DelegazioneFirenze, 17 ottobre 2017 - Uno scambio di culture, interessi commerciali e tradizioni, nel nome dell’amicizia (quasi quarantennale) tra due città. Il Maestro Artigiano Andrea Calistri, ha tenuto alto il nome dell’artigianato fiorentino durante la visita di una delegazione della Città di Firenze a Gifu, (Giappone), in occasione dei 450 anni dalla sua fondazione. Sapaf Atelier 1954, l’azienda di pelletteria guidata dalla famiglia Calistri, è stata una delle tre eccellenze gigliate, insieme a Paolo Penko e Il Papiro, scelte per mostrare a Gifu il volto del vero Made in Florence erede delle antiche botteghe fiorentine. Momento clou della visita è stato l’inaugurazione della mostra Leonardo e Michelangelo. La scuola del mondo”, con opere provenienti da Palazzo Vecchio e dal Museo Casa Buonarroti, a cui hanno partecipato il vicesindaco Cristina Giachi in rappresentanza dell'amministrazione comunale e il console generale Marco Lombardi

Andrea Calistri e gli altri artigiani fiorentini, oltre a scoprire le più antiche tradizioni della città giapponese, hanno avuto l’opportunità di incontrare il sindaco di Gifu, il presidente e i rappresentati della Camera di Commercio locale, visitando e confrontandosi con aziende omologhe del territorio, aprendo la strada a possibili collaborazioni. In programma anche la visita alla città di Kyoto, dove la delegazione è stata ricevuta dal sindaco e dal direttore della Prefettura di Kyoto, insieme a Masakazu Uchida presidente dell’Associazione Imprenditori, che ha avuto un ruolo fondamentale nel patto di gemellaggio tra Kyoto e Firenze e nella creazione dei rapporti commerciali tra Giappone e Italia. L’intenso programma giapponese ha previsto anche un incontro B2B con diversi operatori locali, offrendo a entrambe le parti l’opportunità di ampliare il proprio business lungo il filo rosso che lega Firenze e il Giappone.